La RAI Rai Radiotelevisione Italiana assume ben 90 giornalisti su tutto il territorio italiano attraverso una procedura di selezione per titoli e prove. 

Le figure selezionate verranno utilizzate come redattori con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato finalizzato, in caso di positivo inserimento in Azienda, a una successiva assunzione a tempo indeterminato.

C’è tempo fino al prossimo 28 ottobre 2019 per poter inviare le domande. 

Le risorse individuate verranno assegnate alle redazioni giornalistiche delle sedi aziendali ubicate nelle regioni/province autonome, sulla base delle esigenze di informazione giornalistica dell’Azienda.

La procedura per titoli e prove è finalizzata poi alla formazione di graduatorie regionali da utilizzare per l’assegnazione degli idonei vincitori alle diverse sedi, in base ai posti messi a bando e alla scelta manifestata dai candidati.

Ogni candidato nella domanda di partecipazione potrà indicare la regione o la provincia autonoma per la quale intende concorrere, ma non è ammessa più do una candidatura ciascuno. Info e dettagli del bando direttamente qui.

I requisiti richiesti 

Per poter partecipare alle procedure di selezione è necessario essere in possesso dell’iscrizione all’Albo dei Giornalisti elenco Professionisti, secondo le modalità previste dalla normativa vigente.

Vengono  ammessi all’iter selettivo i cittadini italiani, i cittadini dell’Unione Europea ed i cittadini di Paesi non appartenenti all’Unione Europea, purché regolarmente soggiornanti in Italia.

I suddetti requisiti si intendono essenziali ed obbligatori e devono essere posseduti alla data di adesione al presente avviso di selezione e per l’intero svolgimento del procedimento di selezione e all’atto dell’eventuale assunzione.

Sedi e posti disponibili in Italia 

Ecco come verranno suddivisi i 90 giornalisti assunti: 

  • 2 in Abruzzo
  • 10 in Basilicata
  • 5 a Bolzano
  • 10 in Calabria
  • 7 in Campania
  • 3 in Friuli – Venezia Giulia
  • 5 in Liguria
  • 5 nelle Marche
  • 7 in Molise
  • 2 in Piemonte
  • 7 in Puglia
  • 5 in Sardegna
  • 5 in Sicilia
  • 4 a Trento
  • 4 in Umbria
  • 9 in Valle d’Aosta

 

Come fare domanda in Rai 

La domanda di ammissione dovrà essere presentata entro le ore 12.00 del 28 ottobre 2019 esclusivamente attraverso la compilazione del form on line accessibile all’indirizzo www.lavoraconnoi.rai.it nell’area riservata all’iniziativa “SELEZIONE GIORNALISTI PROFESSIONISTI 2019”.

Al termine delle attività di compilazione e di invio del form, il candidato riceverà un messaggio di posta elettronica generato in modo automatico che conferma l’avvenuta acquisizione della candidatura.

Nella domanda il candidato deve indicare una sola regione o provincia autonoma per cui intende concorrere. 

Per inviare la domanda di ammissione è necessario:

–       registrarsi al sito www.lavoraconnoi.rai.it e/o effettuare la Login con le proprie credenziali;

–       aderire all’iniziativa cliccando su “SELEZIONE GIORNALISTI PROFESSIONISTI 2019”;

–       compilare i form richiesti;

–       confermare l’adesione all’iniziativa;

–       verificare la ricezione di un messaggio di posta elettronica, generato in modo automatico dalla casella di posta elettronica selezionegiornalisti2019@rai.it a conferma dell’avvenuta acquisizione della candidatura. 

Chi dovesse aver già inserito il proprio CV sul sito www.lavoraconnoi.rai.it, se interessati, dovranno confermare la propria partecipazione aderendo alla “SELEZIONE GIORNALISTI PROFESSIONISTI 2019” e compilare il form on line dedicato.

Le prove della selezione

Previste diverse prove di selezione: 

La prima fase, che si svolge in forma anonima, si basa su un test risposta multipla (multiple choice) diretto a verificare il livello di conoscenza su tematiche attinenti la cultura generale e l’attualità (con riguardo all’ordinamento dello Stato, alle norme sulla stampa e sul sistema radiotelevisivo, alla tutela della privacy, alla deontologia, al contratto nazionale di lavoro giornalistico, al giornalismo radiotelevisivo e cross mediale), sulla specifica realtà territoriale per la quale si concorre e su nozioni di lingua inglese.

Prove individuali

La selezione proseguirà con prove individuali, che si svolgeranno nell’arco della stessa giornata, e si sostanzierà in due successive ulteriori fasi. 

Prevista la: 

a) redazione di un testo giornalistico con preassemblaggio delle immagini destinato alla TV su un argomento a carattere regionale scelto dalla Commissione (fino a 20 punti);

b) redazione di un testo giornalistico con preassemblaggio audio destinato alla Radio su un argomento a carattere regionale, diverso dal precedente, scelto dalla Commissione (fino a 20 punti);

c) organizzazione di un progetto cross mediale (fino a 20 punti);

d) improvvisazione, in video, su un tema di attualità su un argomento a scelta del candidato tra quelli proposti dalla Commissione, con supporto di flusso di immagini; lettura in video del testo per la TV; lettura del testo destinato alla Radio (fino a 20 punti).

La terza fase prevede un test e colloquio di valutazione della conoscenza della lingua inglese, un colloquio conoscitivo e di orientamento, con valutazione anche del curriculum vitae . 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui