Cercasi Consiglieri Parlamentari: la Camera dei Deputati ha indetto tre concorsi per l’assunzione di 41 Consiglieri Parlamentari.

Nel dettaglio si selezioni 30 Consiglieri Parlamentari della professionalità generale, 8 Consiglieri Parlamentari della professionalità tecnica con specializzazione informatica, 3 Consiglieri Parlamentari della professionalità tecnica con specializzazione in architettura, ingegneria civile e ambientale, ingegneria industriale.

Come candidarsi 

Per potersi candidare è necessario visionare e scaricare i bandi (direttamente dal link della Camera dei Deputati). 

La selezione si rivolge alle persone laureate con età massima di 45 anni: è possibile candidarsi fino alle ore 18 del 13 o 20 Settembre 2019 inviando le domande solo ed esclusivamente online attraverso la pagina dedicata. 

Le figure professionali ricercate

I bandi sono volti alla sezione di 

30 Consiglieri Parlamentari della professionalità generale

8 Consiglieri Parlamentari della professionalità tecnica con specializzazione informatica

3 Consiglieri Parlamentari della professionalità tecnica con specializzazione in architettura, ingegneria civile e ambientale, ingegneria industriale.

Sono anche previste alcune riserve: 

– al personale di ruolo dipendente della Camera dei deputati è riservato un numero di posti pari ad un decimo delle assunzioni per coloro che risultino idonei e riportino un punteggio finale almeno pari alla media dei punteggi finali conseguiti dagli idonei; 

– al personale di ruolo dipendente della Camera dei deputati appartenente al quarto livello, che abbia maturato in tale livello almeno cinque anni di anzianità è riservato un numero di posti pari ad un quinto delle assunzioni per coloro che risultino idonei e riportino un punteggio finale almeno pari alla media dei punteggi finali conseguiti dagli idonei.

I requisiti per partecipare

Per partecipare ai concorsi della Camera dei Deputati necessario che i deputati abbiano determinati requisiti:

– cittadinanza italiana; 

– età non superiore a 45 anni (il limite di età è da intendersi superato alla mezzanotte del giorno del compimento del quarantacinquesimo anno); 

– idoneità fisica all’impiego valutata in relazione alle mansioni professionali; 

– godimento dei diritti politici; 

– assenza di sentenze definitive di condanna, o di applicazione della pena su richiesta, per reati che comportino la destituzione ai sensi dell’art. 8 del regolamento di disciplina per il personale, anche se siano intervenuti provvedimenti di amnistia, indulto, perdono giudiziale o riabilitazione.

Ed ecco i requisiti specifici necessari: 

Per i CONSIGLIERI GENERALI: 

Possesso di almeno uno tra i seguenti titoli di studio: 

– lauree magistrali LM-1, LM-2, LM-5, LM-10, LM-11, LM-14, LM-15, LM-16, LM-19, LM-36, LM-37, LM-38, LM-39, LM-43, LM-45, LM-52, LM-56, LM-59, LM-62, LM-63, LM-64, LM-65, LM-76, LM-77, LM-78, LM-80, LM-81, LM-82, LM-83, LM-84, LM-87, LM-88, LM-89, LM-90, LM-91, LM-92, LM-93, LM-94, LMG-01; 

– corrispondente laurea specialistica di cui al decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509; – diploma di laurea del vecchio ordinamento (previgente al citato decreto ministeriale n. 509 del 1999), secondo il decreto interministeriale del 9 luglio 2009.

Per i CONSIGLIERI INFORMATICI: 

Possesso di almeno uno tra i seguenti titoli di studio: 

– lauree magistrali LM-16, LM-17, LM-18, LM-25, LM-26, LM-27, LM-29, LM-31, LM-32, LM-40, LM-44, LM-58, LM-66, LM-82, LM-83, LM-91; 

– corrispondente laurea specialistica di cui al decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509; – diploma di laurea del vecchio ordinamento (previgente al citato decreto ministeriale n. 509 del 1999), secondo il decreto interministeriale del 9 luglio 2009.

Per i CONSIGLIERI SPECIALIZZAZIONE ARCHITETTI: 

– abilitazione all’esercizio della professione di architetto, prevista per l’iscrizione nella Sezione A, settore architettura, del relativo albo professionale;

– possesso dei requisiti previsti dall’art. 98 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e successive modificazioni, per l’esercizio delle funzioni di coordinatore per la progettazione e di coordinatore per l’esecuzione dei lavori.

CONSIGLIERI SPECIALIZZAZIONE INGEGNERIE CIVILE E AMBIENTALE

– abilitazione all’esercizio della professione di ingegnere, prevista per l’iscrizione nella Sezione A, settore ingegneria civile e ambientale, del relativo albo professionale;

– possesso dei requisiti previsti dall’art. 98 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e successive modificazioni, per l’esercizio delle funzioni di coordinatore per la progettazione e di coordinatore per l’esecuzione dei lavori.

CONSIGLIERI SPECIALIZZAZIONE INGEGNERIA INDUSTRIALE

– abilitazione all’esercizio della professione di ingegnere, prevista per l’iscrizione nella Sezione A, settore ingegneria industriale, del relativo albo professionale;

– possesso dei requisiti previsti dall’art. 98 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e successive modificazioni, per l’esercizio delle funzioni di coordinatore per la progettazione e di coordinatore per l’esecuzione dei lavori.

La selezione

Le procedure selettive saranno distribuite attraverso quattro prove d’esametre scritte ed una orale (solo per i Consiglieri Informatici) e di sette prove d’esamesei scritte ed una orale (solo per i Consiglieri Generali).

Per i consiglieri tecnici con specializzazione in architettura e ingegneria sono previste tre prove d’esame – due scritte e una orale.  

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui